Alberto Annibali e la collezione autunno-inverno 2012-2013

di Sandra Rondini Commenta

Contemporaneità e freschezza, queste le keywords della collezione Alberto Annibali autunno-inverno 2012-13. La collezione trae ispirazione dal glamour dei primi anni ’80, da quegli abiti in crèpe de chine  morbidi e fluidi che erano in tutti gli armadi delle donne  eleganti. La silouette quindi è morbida, rilassata, con la vita segnata da arricciature e drappeggi o da cinture appositamente disegnate e realizzate nello stesso materiale dell’abito o in nappa.

Le gonne sono al ginocchio e lasciano immaginare una donna che non perde tempo a  prepararsi, ma che rapidamente si veste e corre via ad un appuntamento, schivando un paparazzo, entrando in un taxi o uscendo da un locale alla moda. Alberto Annibali ha voluto realizzare una no season collection, abiti che per eleganza e materiali (utilizzo di sola seta) possono essere indossati in qualsiasi momento dell’anno. La palette di colori è composta da tonalità decise e nitide come il ruggine, il mattone, il caramello, il viola, il blu oltremare, il turchese, il giallo e, ovviamente, il bianco e il nero, usati  questi ultimi come base neutra  o per velare con lo  chiffon i colori pieni e grafici.

La manifattura della collezione è rigorosamente Made in Italy. Da questa stagione inoltre grazie alla collaborazione con l’artista Ceca, Svetlana Kuliskova, che ha sviluppato una sua personale tecnica di lavorazione del tessuto, ARAKNE NON WOVEN®, la collezione Alberto Annibali  si arricchisce di un nuovo materiale studiato in collaborazione con l’artista, per la prima volta accoppiando il crèpe de chine e chiffon .

Questo tessuto infatti, essendo lavorato a mano, vanta la bellezza di essere sempre diverso in ogni suo centimetro, creando effetti unici su ogni capo con una mano corposa, ma leggera allo stesso tempo e, grazie alla speciale agugliatura  eseguita con fili di nylon, ha una particolare lucentezza e texture nuove nel loro genere. Alberto Annibali lo ha utilizzato includendo la cimosa dove si nota l’accoppiamento dei due tessuti, creando un effetto stampa-non stampa davvero incredibile!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>