Kate Moss, Rihanna e Anna Wintour al flash mob glamour di Stella McCartney

di Lorena Scopelliti Commenta

Stella McCartney non ha solo talento, ma anche una creatività urban tipica di un’assidua frequentatrice del Web 2.0 che la fa stare sempre un passo avanti ai suoi colleghi, anche più blasonati: perché limitarsi a una banale sfilata per presentare la propria collezione?

Quella che sembrava una cena formale per la presentazione dell’ autunno/inverno 2012-2013 si è trasformata in un vero show, che ha avuto come location un locale trendy di Londra, a cui le modelle hanno preso parte ironicamente organizzando un flash mob glamour e sorprendente. Tra le invitate anche le fashion icons Kate Moss e Anna Wintour e la chiaccheratissima popstar Rihanna.

Per Kate un abitino superfasciante e strategicamente nudo lateralmente, la tipologia cult firmata Stella, che miracolosamente le donava curve accentuate. Rihanna, invece, ha optato per un lungo abito in satin verde ottanio con scollo a V profondo e vertiginoso spacco sulla gamba sinistra. Capelli insoliti, per la regina del pop: cotonati, biondissimi e con frangetta (noi la preferiamo di gran lunga nature e mora).

Magrissima e con i soliti capelli a caschetto geometrici e severi, la storica direttrice di Vogue America Anna Wintour indossava stivali a stiletto in satin, una blusa in seta color pastello con scollo tondo impreziosito da cristalli e pietre e un’appariscente pelliccia leopardata chiusa in vita da una fusciacca a mo’ di trench.

Durante la cena formale le modelle si sono alzate dai tavoli inscenando un balletto con i finti camerieri, esibendo la collezione di abiti da sera a/i 2012-2013 griffata Stella CcCartney: in definitiva, la sfilata più originale e coinvolgente della London Fashion Week 2012!

Photo Credit | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>