Milano Fashion week 2012: le più belle sfilate della prima giornata

di Lorena Scopelliti 1

Ieri si sono aperte le danze sulla città più modaiola e fashion d’Italia: Milano si anima di stile, irriverenza e glamour per la settimana della moda che presenterà sulle passerelle la donna della stagione autunno/inverno 2012-2013. Nella giornata del 22 febbraio grandi nomi hanno dato il via alla kermesse modaiola: Gucci, Alberta Ferretti, John Richmond, Francesco Scognamiglio, Simonetta Ravizza e Paola Frani.

Firmata Frida Giannini per Gucci una vera e propria ode al colore nero, emblema di classe, mistero ed eleganza: una seduzione che parte anche dal make up, in naked per gli occhi e rosso intenso per le labbra. Le sfumature dark e sinuose del black avvolgono tutto: arrivano il color Chianti, il verde ottanio, il bluette profondo e il grigio scuro a mischiarsi con il colore delle tenebre. Vedo-non-vedo, pizzi, tulle e molto velvet per una collezione dedicata alle donne che non sanno cosa significhi la parola remissività e stucchevolezza.

Anche in John Richmond la passerella vede sfilare le trasparenze: le modelle sono pettinate e truccate da virago moderne e sfoggiano pellicce sontuose. Abiti bustier in pelle da sexy biker si contrappongono a vestiti candidi come il latte che giocano con il contrasto di volumi tra i micro shorts, il corpetto in cristalli e lo strascico lunghissimo. Spazio anche al maschile per completi pantalone dal mood rigoroso in Principe di Galles portati con dolcevita in tulle trasparente.

Gli inconfondibili tagli perfetti e le linee fluide hanno caratterizzato la passerella di Alberta Ferretti, stilista amatissima dalle celebrità per l’estrema vestibilità dei capi, capaci di valorizzare qualunque tipo di fisicità: Alberta sceglie più colore rispetto a Richmond e Gucci, ma la donna a cui la collezione è destinata è la stessa: forte, decisa, determinata e pratica. Abiti impalpabili fanno capolino sotto cappotti maschili in flanella che rivelano carattere e personalità. Sontuosi e da sogno gli abiti da sera, scivolati o drappeggiati, basic o complessi: Ferretti ricrea la favola che l’ha resa celebre e tanto amata dalle donne di tutto il mondo.

Photo credit| Getty Images

Commenti (1)

  1. Ti leggo spesso, ma e’ la prima volta che conetmmo!Vedo dal post che sarai a Londra per la Fashion Week, e mi permetto di segnalare la retrospettiva su Hussein Chalayan al Design Museum. Se ti e’ piaciuta The House of Viktor&Rolf al Barbican, credo apprezzerai anche questa!Enjoy LDN,Chiara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>