Lady Gaga a Milano indossa un favoloso look vintage di Versace

di Sandra Rondini 1

Arrivata a Milano per la tanto attesa tappa italiana del suo tour mondiale “The Born This Way Ball, Lady Gaga ha mostrato al mondo intero quanto adora la maison Versace. La cantante ultimamente sembra avere, infatti, una forte predilezione per la maison della Medusa, così, prima di esibirsi al Mediolanum Forum per la gioia dei suoi “little monsters” italiani, è stata ospite di Donatella Versace per una cena privata a Palazzo Versace.

La pop star e la designer sono da tempo grandi amiche così Lady Gaga ha pensato bene di renderle omaggio presentandosi a Milano, la sera prima del concerto, con indosso un favoloso abito vintage anni Novanta, color rosso fuoco, disegnato da Gianni Versace per l’indimenticabile collezione “Bondage”.  A completare il suo total look firmato Versace un paio di grandi occhiali da sole con lenti scure da diva e una pochette in pelle con fibbia e catena dorate della nuova collezione primavera/estate 2013

Accolta da una sorridente Donatella Versace, la cantante, con la chioma color rosso tiziano, ha salutato i suoi tanti ammiratori per poi cambiare outfit e, dopo cena, affacciarsi al balcone di Palazzo Versace, questa volta con una chioma biondissima e un abito tempestato di borchie dorate, per lanciare rose ai fan che gridavano a gran voce il suo nome, mentre in braccio stringeva il suo amato cagnolino Fozzi Bear. Anche la stilista si è cambiata d’abito, scegliendo, però, sempre un look in pelle nera.

Durante il concerto, unica tappa italiana del suo tour, oltre a Donatella Versace, era presente anche lo stilista Giorgio Armani, che ha disegnato molti costumi del suo ultimo tour, forse i più iperbolici e fantasiosi di tutti. Dicono che a Re Giorgio abbiano dato molto fastidio i continui saluti che Lady Gaga ha lanciato dal palco alla sua amica Donatella.

Per lui che l’ha osannata più volte e vestita da capo a piedi con grande fantasia e originalità, Miss Germanotta ha riservato solo una fugace menzione dopo il nome di Moschino, altra grande griffe Made in Italy che ha disegnato splendidi costumi per il suo tour. Qualcuno sostiene che Giorgio Armani si sia risentito e se ne sia andato, un po’ offeso, molto prima della fine del concerto.

Photo Credit | Fashion Times e Style

Commenti (1)

  1. i’m the opposite. i love love love cnesihe soups! can’t live without them in fact. i have yet to try this soup. usually i dun like fish based soup as they tend to be a little fishy… but this one looks good. probably bcos i like coriander, century eggs and tofu! 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>