Melissa Bassi: il mondo della moda pensa a un’iniziativa in suo ricordo

di Redazione 1

Spread the love

Melissa Bassi era una sedicenne dal viso fresco, dolce e gentile. Aveva un sogno, probabilmente, come tutte le sue compagne di scuola: quello di diventare una stilista o, comunque, di lavorare nel mondo della moda. Melissa, infatti, frequentava l’Istituto Professionale di Stato per i Servizi sociali – Moda – Turismo: il fashion business è rimasto scosso, come tutti, dalla notizia della sua morte e adesso pensa di organizzare un evento in suo onore e ricordo.

Fa male scrivere di una ragazza di sedici anni al passato: non si vorrebbe mai ricorrere a questa coniugazione verbale per parlarne. La violenza cieca, sorda, infima e vigliacca ha strappato con inaudita barbarie una giovanissima e innocente vita in un qualunque sabato mattina scolastico, proprio di fronte al luogo in cui Melissa studiava per coronare, un giorno, il suo sogno. La vitalità e la creatività, di cui la moda si nutre da sempre, sono state spente e annientate da una mente troppo brutale e disumana per meritare anche un briciolo di compassione.

Forte, immediata e commossa la reazione del mondo della moda: ancora una volta è il mondo in continuo movimento del Web 2.0 a dar vita a tutto. Twitter è la piattaforma in cui si cominciano ad avanzare proposte e idee: è doveroso fare qualcosa per tributare Melissa, per ringraziarla della sua passione, per aiutare le compagne che inseguono ancora un sogno. È il giornalista Gianni Riotta a dare il via a tutto, twittando un appello :

Melissa e i suoi compagni e compagne studiavano moda e amavano la moda: può la moda italiana fare qualcosa per ricordare questi ragazzi?

Lavinia Biagiotti, vice-presidente del Gruppo Laura Biagiotti e membro del consiglio direttivo della Camera Nazionale della Moda, risponde immediatamente, senza indugi, e sullo spazio #perMelissa arrivano messaggi e conferme di disponibilità, appoggi incondizionati e inviti a diffondere il più possibile l’idea di commemorare la giovanissima ragazza. Rispondono giornalisti, addetti ai lavori, nomi noti e meno noti: è un susseguirsi inarrestabile di Tweet. La Camera nazionale della Moda ne discuterà, la rassicurazione è questa. La speranza è che le iniziative che verranno non siano unicamente simboliche, ma che riescano a dare un segnale forte e vigoroso. La redazione di Modalizer, ancora attonita e incredula di fronte a un orrore di simili proporzioni, si stringe attorno alla famiglia di Melissa e alle ragazze ferite: un abbraccio solo virtuale, ma che speriamo riesca a scaldare anche solo un po’ i loro cuori puri.

Photo Credit| Twitter, Getty Images

Commenti (1)

  1. Iniziativa lodevole ! Spero che la Camera Mazionale della Moda decida di ricordare la passione di questa sfortunata ragazza istituendo un premio o qualcosa di similare che dia la possibilità ai giovani talenti di potersi approcciare al mondo della moda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>