Scarlett Johansson in LBD firmato Versace sul red carpet di The Avengers

di Sandra Rondini Commenta

Scarlett Johansson abito versace scarpe giuseppe zanotti The Avengers

Dopo aver conquistato la copertina del mese di maggio di Vogue Usa in cui posa per l’obiettivo del grande Mario Testino che l’ha immaginata quasi come una novella Grace Kelly con un abito couture color cipria, la bellissima attrice americana Scarlett Johansson, già musa di Woody Allen, confessa in una lunga intervista, sempre al patinato magazine di moda, ciò di cui tutto il mondo era già a conoscenza, ossia il suo flirt infuocato con l’attore Sean Penn.

Dopo aver rivelato il suo ‘segreto di Pulcinella’ la bella attrice è tornata sulla bocca di tutti non per i gossip sulla sua vita privata, ma per una sua sfolgorante apparizione a Los Angeles alla premiere del filmThe Avengers”. Sul red carpet è stata la più fotografata di tutti grazie al suo look davvero strepitoso. Scarlett è un cocktail perfetto di glamour da diva di altri tempi e di giovane donna moderna molto determinata e professionale nel suo lavoro. Tutti non hanno potuto fare a meno di notare che la bella attrice si è presentata alla premiere con qualche chilo in meno rispetto alla sua solita silhouette burrosa e curvy che ha contributo a conquistarle le simpatie di tantissime donne.


Vestita con un little black dress firmato Versace e illuminato da orecchini in diamanti rotondi da 1.5 carati e anello “Volutes” in oro bianco e diamanti, tutto di Van Cleef & Arpels, Scarlett Johansson è stata la regina del red carpet del film d’azione diretto da Joss Whedon e imperniato sull’incontro-scontro tra i supereroi dei fumetti Marvel Comics che si incontrano per la prima volta quasi al gran completo sul grande schermo. Tocco di classe gli accessori firmati Giuseppe Zanotti: dei bellissimi sandali neri a listini incrociati alla schiava attorno alla sottilissima caviglia e i biondissimi capelli raccolti in un’acconciatura importante e un po’ classica.

 Credit image | Van Cleef & Arpels©Photo by  Lester Cohen

Rispondi