AltaRoma luglio 2011, Raffaella Curiel si ispira all’Impressionismo

di Redazione Commenta

Raffaella Curiel dal 1980, anno in cui presentò la sua prima collezione ispirata al mondo dell’arte, viene definita, a ragione,  “l’intellettuale della moda italiana”. Definizione che le si addice perfettamente, come ha dimostrato in tutti questi anni di carriera e, non ultimo, nella collezione di alta moda autunno-inverno 2011/12 che ha sfilato in calendario ad AltaRoma, la kermesse haute couture della Capitale.

Raffaella Curiel si è ispirata a Manet e agli impressionisti per creare abiti in calde nuance autunnali, come il blu, l’arancio e il verde più intenso e seducente. Una palette di colori satura e d’atmosfera rende impeccabili i tailleur dalle giacche decisamente segnate, con revers maschili adornati di velluto e piccoli ricami. Hanno il punto vita stretto e ben definito per svasarsi poi sui fianchi, con una linea perfetta anche per le donne curvy che hanno trovato da tempo in Raffaella  Curiel una paladina del bello per tutte, non solo per le size zero.


In passerella molti pantaloni: da quelli  con gonne sovrapposte a quelli interamente realizzati in plissè,  così eterei e leggiadri. Le gonne longuette sono impreziosite da delicate camicette di chiffon con colli importanti, guarniti di volant e plissè.

Tornano di moda le stringate alla caviglia, severe e austere, quasi mitteleuropee, senza plateau e a punta, da indossare con calze di pizzo e abbinare a guanti, davvero bellissimi, in tutti i colori, forse il vero accessorio must have del prossimo inverno, simbolo eterno di classe e signorilità.

Gli abiti avvolgono morbidamente la silhouette mettendo in evidenza la femminilità delle forme, con gonne tagliate in modo impeccabile, sublime esempio di alta sartoria, come anche tutti i capispalla presentati dalla Curiel che rilancia la pelliccia come desiderio e lusso. I vestiti da sera total black  giocano con il nude look e l’effetto vedo non vedo di pizzi e trasparenze sapientemente bilanciate.

Le proporzioni perfette e la sobria eleganza dei capi presentati in passerella ad AltaRoma fanno dell’ultima collezione di Raffaella Curiel un esempio moderno e upper class di cosa significhi oggi avere stile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>