La cantante Adele veste Marina Rinaldi ai Music Awards tedeschi

di Lorena Scopelliti 2

E’ davvero il momento delle curvy, speriamo solo non si riveli solo una moda passeggera destinata ad eclissarsi in favore, ancora una volta, delle zero size skinny girls. Sulla copertina di giugno Vogue ci ha mostrato giunoniche e irraggiungibili bellezze dalle morbide e armoniose forme burrose: notoria, ormai, la campagna contro i siti pro-ana e i modelli che incitano all’eccessiva magrezza portata avanti dal direttore Franca Sozzani.

E una vera donna curvy è la cantante britannica Adele, al secolo Laurie Blue Adkins, fiera della sua taglia 46 e diventata  un’icona di stile per tutte le donne dalle forme generose. Nessun timore a mostrarsi per quella che è e abilissima nel valorizzare i propri punti forti, Adele si è presentata raggiante e glamour sul red carpet degli Echo Awards, a Berlino. 

Total black basic firmato Marina Rinaldi del gruppo Max Mara, dallo stile anni vagamente anni Cinquanta, il vestito fino al ginocchio con scollo a barca e maniche a tre quarti in cotone è movimentato in modo discreto da una plissettatura piatta sulla parte frontale, scendendo morbido e senza costrizioni sul corpo della giovanissima cantante. Adele sceglie calze coprenti e decolleté medio-alte in vernice e con leggero plateau: avremmo preferito vederla con le gambe nude, i sessanta denari invecchiano e appesantiscono l’insieme.

Un abito poco da red carpet, in effetti, molto semplice e pratico, che però è perfetto per Adele, che da sempre si distingue per le scelte poco ortodosse in fatto di outfits. Da aggiungere che il nero dona divinamente a una pelle alabastrina e quasi marmorea come la sua, facendola sembrare lattea. Perfetto il trucco occhi giocato su uno smokey eyes profondo e carico, che fa risaltare come gemme gli occhi chiarissimi. Non altrettanto si può dire per l’acconciatura, fin troppo demodè per una classe ’88 come lei e che a dire il vero vedremmo meglio su una donna più matura.

Commenti (2)

  1. 46?? Ma se sarà almeno una 50!!

  2. Ambasciator non porta pena 🙂 E’ quanto ha dichiarato lei stessa anche se, lo ammetto, nutro qualche dubbio anch’io, come te! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>