Natale 2015, gli abiti delle feste secondo Max Mara

Max Mara propone, attraverso i suoi canali social, tante soluzioni per le festività natalizie in arrivo. Queste si traducono sottoforma di capi e accessori proposti con delle divertenti illustrazioni.

11036603_1050385871680862_3277006084476325864_n

Max Mara Resort 2016 – foto

Max Mara festeggia l’apertura del suo flagship store in Old Bond Street, con una nuova collezione tutta dedicata allo stile e all’anima di Londra: Resort 2016.

max mara resort

Whitney Bag, Renzo Piano per Max Mara

Oggi vi presentiamo la Whitney Bag, la borsa in edizione limitata disegnata da Renzo Piano per MaxMara. Realizzata in un numero limitato di sole 250 borse numerate, questa linea di bags si ispira al design dell’architettura moderna.

4516335706014-d-whit1_normal

Milano Moda Donna, Max Mara ricorda Marilyn Monroe

Max Mara e Marilyn Monroe,  scendono in passerella per Milano Moda Donna. Queste due icone di bellezza ed eleganza senza tempo, infatti, sono oggi legate da uno stile unico, mostrato a tutti attraverso la nuova collezione autunno/inverno 2015-2016 del brand.

max mara 1

Max Mara sceglie Amy Adams per la campagna ADV a/i 2014-2015

amy adams

Max Mara presenta la sua collezione accessori per la stagione autunno/inverno 2014-2015. Interprete di questa linea è la bellissima Amy Adams, reduce dai successi cinematografici di questo 2014 nel quale ha vinto un Golden Globe come miglior attrice ed è stata candidata all’Oscar.

Max Mara a/i 2014-2015, una collezione dichiaratamente metropolitana

max mara 3

Max Mara sceglie per l’Autunno-Inverno 2014/2015 preziosi tessuti inglesi e scozzesi come tweed, Principe di Galles, lane Donegal e Shetland tradizionali, ma reinterpretati in chiave moderna e urbana. Maschile e femminile si mescolano dando vita ad una collezione metropolitana che trae ispirazione da neon e cemento.

Milano Fashion Week P/E 2014, la sfilata di Max Mara

settimana della moda milano,settimana della moda milano 2013,sfilate settimana moda,sfilate settimana moda milano

E’ un’eleganza neo-minimalista e metropolitana quella che ha portato in passerella Max Mara alla Settimana della Moda di Milano. La donna della primavera estate 2014 di Max Mara sarà monocromatica.

Colori ricercati, che danno un insolito carattere sleek alla collezione che Max Mara ha presentato alla Milano Fashion Week, arricchiti da sofisticate articolazioni ton-sur-ton di riflessi e di texture, che prendono le forme di delicati twin set declinati in chiave couture. Capo protagonista della collezione p/e 2014 di Max Mara sono le giacche maschili rivisitate, leggere e senza bottoni.

Per la prossima bella stagione Max Mara ha voluto affiancare ai colori decisamente monocromi (blu, verde e rosso) anche una ricca varietà di beige e grigio che degradano fino al cemento e al carbone, che si manifesta anche nella ricchezza degli accessori coordinati, dai sandali in lamé con tacco lato fino agli occhiali con lenti ampie e montatura stondata.

 

L’iconico cappotto camel di Max Mara fa furore tra le celebrità

camel coat cappotto cammello max mara

Ci sono capi che non passano mai di moda e fanno parte di quello che viene comunemente definito investimento per il futuro: magari, sul momento, spendiamo un capitale per poterlo avere, ma possiamo star certe che ci durerà anni e che anche tra un decennio non sarà passato di moda. In questa categoria rientrano alcuni accessori per loro natura universali, tra cui le It bags, tailleur sartoriali e capispalla dalla struttura perfetta e lineare.

E quando si parla di cappotti è quasi d’obbligo citare le meravigliose creazioni Max Mara, in particolare la versione color cammello, amatissima da tutte le donne del globo, a qualunque latitudine e appartenenti a tutte le fasce sociali: anche le celebrità sono innamorate di questo capo e la gallery che trovate in fondo all’articolo lo dimostra ampiamente.

Coats! Max Mara in mostra con i capi che hanno fatto storia in 60 anni di moda italiana

mostra coats! max mara cappotti mosca russia State Historical Museum

Dopo Germania e Giappone la linearità mirabile e i capolavori di fluidità dei cappotti Max Mara, vero e proprio capo simbolo della maison italiana amato in ogni angolo del globo, approdano a Mosca: una mostra che si terrà dal  dal 12 ottobre 2011 al 10 gennaio 2012, presso il prestigioso State Historical Museum, l’importante istituzione museale dall’inconfondibile architettura a pinnacoli che domina la parte nord-est della Piazza Rossa.

La mostra è curata da Adelheid Rasche, storica della moda e dell’arte, curatrice del “Sammlung Modebild-Lipperheidesche Kostümbibliothek (Fashion Image Collection – Lipperheide Costume Library) presso la Biblioteca dell’Arte, dei Musei Nazionali di Berlino e membro del ICOM – International Council of Museums, Costume Committee.

Max Mara: collezione occhiali 2011

Le nuove proposte eyewear di Max Mara si posizionano in perfetto equilibrio tra gusto classico e spirito attuale, portando come protagonisti gli eleganti codici di stile del marchio. I nuovi occhiali da sole della collezione estate 2011 si ispirano alle splendide città di cui portano il nome: da Roma a St. Moritz, da Antibes a St. Tropez, lo stile senza tempo delle location più esclusive rivive nelle proposte eyewear dall’appeal irresistibile.

Il modello Roma è d’ispirazione “Dolce Vita”. Sono occhiali da sole in acetato, dalla forma arrotondata, con le aste impreziosite dal dettaglio metal scolpito con il monogramma “M” e fissato da rivetti a vista. Ricercate le tonalità, tra cui marrone/avorio, rosso, avana. Questo modello sicuramente colpisce per l’allure sofisticata dei volumi sinuosi il modello da sole in iniettato, dalla seducente forma butterfly con aste dalla linea arcuata.

Manifestazioni animaliste contro l’uso delle pellicce e dei pellami

manifestazione PETA 4 agosto New York contro l'uso dei pellami

E’ ormai storia vecchia: i designer continuano a sfornare modelli sempre più lussuosi e rari di pellicce e gli animalisti proseguono nella loro campagna contro l’uso delle animal fur senza soluzione di continuità. Ormai non fa più nemmeno notizia, la lotta è diventata una prassi. E le due parti, spesso, sembrano non ascoltarsi.

L’industria delle pellicce è dominata da una logica senza scampo e senza cuore, quella del profitto, basata sul principio che il lusso si rivolge ai ricchi, questi ultimi sono (parlando in termini economici) big spender e di conseguenza non si può non far spendere poco a una categoria simile: un big spender è disposto a pagare tanto, tantissimo, è un diritto che non gli si può negare.

E così i designer si industriano come possono: macchine tempestate di svarovski, vestitini per cani impreziositi da diamanti, scarpe con tacco in platino. E pellicce, che sono uno dei simboli per eccellenza della ricchezza ostentata.