Madonna promuove la linea Material girl della figlia con una mostra sui suoi costumi di scena

di Sandra Rondini Commenta

Per promuovere la nuova collezione p/e 2013 della linea Material girl, disegnata da sua figlia Lourdes, Madonna ha deciso di allestire una mostra a Los Angeles, da Macy’s, con i suoi costumi di scena più celebri, inaugurandola con un grande party con protagonisti i nuovi idoli teen di musica e tv.

Davanti al photocall hanno così sfilato volti noti come Vanessa Hudgens, Kat Graham (“The Vampire diaries”), Ireland Baldwin, bellissima e biondissima figlia di Kim Basinger e Alec Baldwin, Michelle Trachtenberg (l’indimenticabile Georgina Sparks di “Gossip Girl”), Spencer Grammer da “Greek”, la protagonista di “The Carrie Diaries” (il pre-quel di “Sex & The City”), Annasophia Robb e, direttamente dal set di “Glee”, il bel Darren Criss e Charlotte Ross. L’intento di Madonna era quello di lanciare alla grande la nuova collezione della figlia, ma per via della mostra “Fashion Evolution”, allestita nel pop-up store dedicato da Macy’s alla linea Material girl, l’ha del tutto messa in ombra.

Nessuno ha fatto caso più di tanto ai nuovi modelli disegnati da Lola Ciccone quando, in grandi teche di cristallo si potevano ammirare dal vivo il famoso corsetto di Jean Paul Gaultier, con il reggiseno a forma di cono, che Madonna indossava durante il “Blonde ambition tour” , ma anche il celeberrimo abito da sposa di “Like a Virgin” indossato durante gli MTV Music Awards del 1984, o il giubbotto in jeans di Vivienne Westwood con la scritta “Boy Toy” disegnata dal re dei graffiti, il grande artista Keith Haring.

La selezione degli abiti esposti è stata fatta dalla stessa Madonna e la scelta non è stata affatto facile: i costumi in mostra ripercorrono 30 anni di carriera on stage, attraversando mode e stili che si sono susseguiti negli anni, dai look degli esordi, influenzati dai trend dei club di New York fino ai body super glam e scintillanti degli ultimi tour. La stampa, naturalmente, è impazzita e si è parlato molto della mostra e del party, ma pochissimo della nuova collezione “Material girl”, quando, almeno all’apparenza, le intenzioni iniziali erano diverse.

Forse, però, il brand, che finora non ha avuto molta fortuna, ha bisogno di una grossa spinta pubblicitaria e di una attrattiva molto forte che spinga la gente a entrare nel pop-up store per ammirare prima la mostra e, poi, dato che ormai si è entrati, anche la nuova collezione estiva di Material girl. Evidentemente, senza la mostra “Fashion Evolution“, madre e figlia, che non erano presenti all’evento, avrebbero dovuto ancora posare insieme per i fotografi e sottoporsi al fuoco di fila della stampa, finora molto critica verso ogni collezione del brand, così ispirato ai look anni Ottanta di Madonna da essere considerato una griffe vintage e priva di appeal.

Photo Credit | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>