Must have: Il Sistema degli Oggetti

di Flavia De Filippis Commenta

Qualche mese fa, invitata a Milano per la settimana della moda sono passata da Dolce&Gabbana, presso il loro concept la Spiga2 ed ho subito ammirato, tra i numerosi progetti dei designers esposti, quelli di Caterina Coccioli, Anna Lottersberger & Alessandro Manzi. I tre giovani si sono conosciuti qualche anno fa sul banco dell’università al Politecnico di Milano ed hanno così dato vita al Sistema degli Oggetti.

IL SISTEMA DEGLI OGGETTI ricrea un ‘sistema’ total-look formato da capi storici reinventati e riproporzionati: il parka, il chiodo, il caraco, la blusa, il grembiule, le brache, il pantalone, la coulotte, il pagliaccetto e il tabarro.

Ogni capo è il risultato di un’accurata ricerca – evoluzione storica e di struttura – e della rielaborazione di un modello originale in chiave contemporanea; a questo si aggiungono tessuti e filati ricercati, ma naturali; colori e stampe autentici; ogni disegno è infatti di invenzione e proprietà del brand. I materiali vanno dal gabardine, popeline e canvas 100% cotone dai finissaggi sabbiati e smerigliati, 100% twill e crepe di seta italiani, filati 100% cotone mercerizzato e cotone+lino organico. La manifattura è affidata a laboratori artigiani italiani, situati per lo più in Lombardia, per mantenere un contatto costante e continuo.E’ possibile trovare questo brand a Milano, Roma e nei migliori concept store.

Rispondi