Parigi, fermato per insulti antisemiti John Galliano, direttore creativo di Dior

di Paola Perfetti Commenta

Una news schock irrompe durante la Settimana della Moda di Milano: John Galliano arrestato a Parigi ieri sera per – pare – insulti antisemiti. Ancora non si conoscono nel dettaglio i motivi del fermo, ma con i minuti che passano le informazioni e gli aggiornamenti si rincorrono.

E’ un cliché storico quello per qui gli artisti sono un mix di genio e sregolatezza. Siamo ormai abituati alle stranezze da celebrities del jet set così come a scenate e momenti in cui i VIP danno in escandescenza. Ma questa volta John Galliano pare abbia proprio esagerato, e per questo è stato arrestato a Parigi.

Mentre tutto il mondo della moda (e non solo) è in fermento per le sfilate e gli eventi da Milan Fashion Week, ecco che irrompe una news da Parigi: lo stilista britannico, John Galliano, é stato fermato ieri sera a Parigi dalla polizia.

La notizia è stata lanciata stamattina da France Info: secondo la radio, che non ha fornito ulteriore dettagli, lo stilista avrebbe pronunciato insulti a carattere antisemita ed avuto un comportamento violento. Secondo le voci che circolano, poi, lo stilista avrebbe aggredito una coppia alla terrazza di un café parigino anche se per ora non sono chiari i motivi di un gesto simile. Ma lo stilista è stato trovato positivo al test sull’alcol e verrà rimesso presto in libertà in attesa di giudizio.

Una news incredibile, il classico fulmine a ciel sereno che ha destato sconcerto da parte di tutti. Al momento, massimo è il riserbo sui fatti da parte degli inquirenti e per ora nessun commento da parte della Maison Dior di cui l’enfant prodige inglese è la mente creativa. A dire il vero, l’attuale direttore creativo della maison Christian Dior era stato recentemente messo in discussione e Bernard Arnault, proprietario di LVMH l’impero del lusso che detiene Dior, aveva fatto sapere che avrebbe seguito più da vicino il suo operato.

Staremo a vedere: nessun gossip, sia chiaro, solo il dispiacere nel vedere che un altro genio della moda e della creatività stia buttando via il suo talento. Ci auguriamo che tutto si risolva al meglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>