Quando la moda diventa arte. Griffe e accessori da galleria

di Redazione 2

Ogni volta che vi abbiamo proposto un evento fashion, non abbiamo potuto fare a meno di notare come la creatività di uno stilista spesso abbia avuto il supporto di un artista. E viceversa.

I teschi di Damien Hirsch sono diventati un must della gioielleria e della moda, così come l’ultima collezione Laura Biagiotti è interamente ispirata al Futurismo di Giacomo Balla.

E se una borsa diventasse un oggetto da museo, non per chi l’ha indossata, ma per il valore culturale e creativo che porta in sè?

Così è accaduto alle opere dell’artista olandese Ted Noten, che ha ideato le “bang shoes“, le scarpe a forma di pistola. Si tratta di stiletti con tacco, che è un calibro 22, realizzate da Chanel e indossate anche da Madonna. Ma sue sono anche le borse Louis Vuitton e Prada, anch’esse a forma di arma da fuoco.

Oggetti da indossare o da collezionare?

Se lo saranno chiesti  coloro che hanno acquistato le art-bag in canvas del writer Luca Barcellona – alias Lord Bean; e le borse, amate anche da Michelle Obama, Carminia Campus, realizzate con materiali di riciclo e disegni fatti dalle donne camerunensi.

Mentre ci pensate, fate un salto alla galleria Cardi Black Box di Milano: fino al 23 dicembre saranno esposti gli impermeabili “democratici” dell’artista Thomas Bayrle, pioniere del movimento Pop tedesco.

L’ho sempre detto che certi capi sono delle vere opere d’arte!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>