Lo strano mistero dell’abito da sposa di Blake Lively di Gossip Girl

di Sandra Rondini Commenta

Per Blake Lively, la famosa protagonista del serial “Gossip Girl” il 2012 è stato decisamente un anno all’insegna dei fiori d’arancio. Sia reali che per esigenza di copione. La bella attrice americana, già testimonial delle maison Gucci e Chanel, lo scorso 9 settembre ha sposato il bellissimo Ryan Reynolds con una cerimonia blindatissima i cui particolari, tranne l’immagine dell’abito da sposa, segretissimo e non si sa perchè, stanno trapelando un po’ alla volta, a distanza di ben tre mesi, in concomitanza con la messa in onda negli States della puntata finale di uno dei serial più amati e seguiti degli ultimi anni.

Una semplice coincidenza? Chissà. Adesso, in teoria, dovrebbe esserci tutto il materiale perfetto per mettere a confronto un matrimonio di pura fantasia con uno reale. Ma, se del primo sappiamo praticamente tutto, il secondo è talmente avvolto nel mistero da sembrare quasi un’operazione di spionaggio. Se in “Gossip Girl” tutto è andato com’era prevedibile sin dalla prima puntata, ossia che la ricca Serena van der Woodsen dell’Upper East Side capitolasse davanti all’amore del timido, ma determinato ragazzo di Brooklyn, Dan Humphrey, nella vita reale le nozze di Blake Lively con Ryan Reynolds, ex marito di Scarlett Johansson, sono state una sorpresa per tutti, a cominciare proprio dall’ex compagno di Blake Lively che altri non era che proprio il Dan Humprey della serie, l’attore Penn Badgley che non è stato nemmeno invitato alle nozze e chissà quali sentimenti avrà provato nel girare la scena del matrimonio felice nel finale di “Gossip Girl”.

Se il wedding dress con ampia sottogonna, color bianco e oro del couturier parigino Georges Chakra, indossato da Blake Lively sul set, rispecchiava la personalità solare, fashionista e appariscente del suo personaggio televisivo, sempre assolutamente glamour e iperfemminile, dell’abito da sposa scelto per sposare in gran segreto Ryan Reynolds sappiamo solo che era firmato Marchesa, ma quale fosse il modello esatto nessuno lo sa. Rumors sempre più insistenti dicono che l’abito appartiene all’ultima collezione s/s 2013 della griffe e, considerati gli abiti vivaci o i modelli decisamente mini che hanno sfilato in passerella, i papabili long dress, color avorio o bianchi, si riducono a quattro. Ma quale sarà quello indossato da Blake Lively per sposare l’amore della sua vita con una cerimonia tanto cervellotica da aver voluto tenere prima un super party nuziale il 9 settembre in South Carolina, per depistare tutti sulla vera data delle nozze, tenutesi con rito civile, essendo Reynolds un cattolico divorziato, solo il 14 settembre, ossia ben 5 giorni dopo?

E’ proprio il caso di dire “tanto rumore per nulla” perchè non si capisce, dopo più di tre mesi, il perdurare di questo mistero, nemmeno si trattasse del matrimonio di Brad Pitt e Angelina Jolie. In fondo, ammettiamolo, entrambi gli attori non sono dei divi di prima grandezza e la loro popolarità non è tale da giustificare questo black out assoluto di immagini del loro giorno più bello. Certo, se questa è la loro volontà, la privacy va rispettata e anche da Marchesa, naturalmente, le bocche sono cucite. In più, i due non hanno nemmeno venduto l’esclusiva a nessun magazine, quindi a meno di uno scoop dell’ultimo momento o di una gentile concessione da parte dei due attori di divulgare almeno un’immagine del loro matrimonio, non sapremo mai com’era bella Blake Lively il giorno del suo matrimonio.

In compenso, come tanti piccoli puzzle messi insieme da solerti reporter, sappiamo almeno qualcosa del resto. Ad esempio, che anche Ryan Reynolds, come altri divi prima di lui, ha voluto disegnare personalmente le fedi nuziali; la canzone scelta per accompagnare l’ingresso della sposa è stata la romantica “Can’t Take My Eyes Off of You”, eseguita da un coro gospel di bambini e il viaggio di nozze è durato lo spazio di un weekend, destinazione Virginia… Ci sembra decisamente meglio il matrimonio celebrato sul set di “Gossip Girl”.

Photo Credit | Getty Images

Rispondi