La gonna al ginocchio è di moda: scopri come indossarla

di Lorena Scopelliti Commenta

Va di moda il ritorno al passato: quest’anno mettete a nudo le gambe senza scoprirle troppo, come facevano le nostre mamme. Cambiano i tessuti, le fantasie e la leggerezza dei materiali, ma l’effetto è il medesimo: femminili come pochi capi d’abbigliamento, le gonne al ginocchio sono protagoniste del look. 

Inutile girarci attorno: tra chi ha influenzato questa moda c’è sicuramente la principessa inglese Kate Middleton che, per ragioni di etichetta, sceglie spesso questa lunghezza per le sue uscite ufficiali o informali. La Duchessa di Cambridge, però, non rinuncia ad aggiungere un po’ di pepe agli outfit, con colori e tessuti anti-convenzionali e inusuali.

A chi sta bene la gonna che sfiora il ginocchio o, al massimo, si ferma a un palmo al di sopra di esso? Sicuramente a chi ha ginocchia armoniche, non troppo ossute e neppure troppo tornite: soprattutto in quest’ultimo caso è preferibile scegliere la gonna al di sotto e non al di sopra del ginocchio, altrimenti il rischio è quello di farlo sembrare ancora più in carne. La scelta più intelligente è sceglierla leggermente svasata, movimentata da plisset appena accennati.

Il trend è sceglierla colorata o stampata, preferibilmente in cotone e seta; il bianco e nero non possono comunque mancare nel vostro armadio, perché riescono a risolvere con femminilità, un look per la sera ma anche per un appuntamento formale. Le ballerine e le scarpe molto basse stanno bene a chi ha le gambe lunghe, visto che in questo caso la lunghezza tende ad accorciare leggermente la figura. Le decolléte alte e le zeppe sono le calzature ideali. Per la parte superiore scegliete pezzi semplici e minimali: top smanicati, piccoli cardigan o twin set tinta unita, bluse che seguono il corpo e blazer strutturati da lasciare sbottonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>