Kate Moss è la nuova testimonial di Stuart Weitzman

di Sandra Rondini Commenta

Kate Moss non sembra avere la minima intenzione di appendere le scarpe al chiodo, soprattutto se si tratta di uno splendido paio firmato da Stuart Weitzman. La top model inglese, infatti, è stata scelta dal famoso designer di scarpe e accessori come sua nuova testimonial per l’adv della collezione scarpe primavera/estate 2013.

La modella inglese sostituirà quindi l’altrettanto favolosa Natalia Vodianova che per due campagne stampe di seguito è stato il volto della nota maison di pelletteria americana. Naturalmente, per quanto incantevole e sublime, Natalia Vodianova non possiede quell’allure leggermente maudit che fa di Kate Moss ancora una delle top model più richieste sul mercato.

Mentre le altre top si limitano ad essere ingaggiate come testimonial per creme anti-age, tutte le altre, ad eccezione di pochissime, si devono accontentare di piccoli camei, come nel caso di Cindy Crawford per l’adv di C&A o Helena Christensen per la lingerie di Triumph. Kate Moss, invece, sembra non appartenere a nessuna generazione, nonostante abbia vissuto da protagonista i fasti della moda degli anni Novanta e del primo decennio del Duemila.

Nemmeno gli scandali sono riusciti a scalfire la sua carriera, anzi le hanno regalato un fascino del tutto nuovo. Per Stuart Weitzman, Kate Moss ha posato più sexy che mai indossando diversi modelli di scarpe, dai gladiators neri che avvolgono interamente la gamba, fino a sandali con tacchi a spillo e dettagli metallici, senza rinunciare anche a delle comode flat shoes, in totale controtendenza con lo stile sexy & fetish del designer americano.

Unica pecca il fotografo: Mario Testino, riconfermato autore dell’adv, ripropone sempre lo stesso ritratto in bianco e nero con modella desnuda, parzialmente vestita con abiti minimal a lasciare completamente scoperte le gambe, come già aveva ritratto Natalia Vodianova lo scorso anno. Forse, avendo a disposizione Kate Moss, un po’ più di fantasia da parte del fotografo non sarebbe stata male.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>