Kate Moss sposa, l’abito Galliano dall’anima rock

di Lorena Scopelliti Commenta

Che Kate Moss avesse un’anima rock lo abbiamo sempre saputo: a partire dai suoi amori storici come Johnny Depp, bucaniere e pirata glamour, per arrivare a Pete Doherty, sfortunatamente molto dannato e assai poco bello e rock. Il chitarrista Jamie Hince potrebbe essere definitivamente la scelta giusta e noi non possiamo che augurarglielo di tutto cuore.

Sì, perché noi vogliamo davvero bene a Kate, con la sua vita fuori dagli schemi e le sue decisioni fuori dal coro. E la adoriamo perché, sia che vada a una cena di gala o a un concerto in mezzo al fango, lascia tutti a bocca aperta: lo stile e l’eleganza non si comprano e lei ha il plus che manca a molte altre modelle, magari assai più alte, belle e perfette, che le permette di indossare di tutto sembrando sempre naturale e a proprio agio.

Aspettavamo il matrimonio, a sorpresa celebrato con un giorno d’anticipo, per vedere cosa avrebbe scelto di indossare ben sapendo che, come sempre, avrebbe stupito con eleganza. Non si è smentita, a partire dallo stilista prescelto: il banned John Galliano, ultimamente al centro degli scandali e attualmente sotto accusa di anti semitismo.

C’è da dire che, vedendo un abito vintage di tal fatta, Galliano riesce a farsi rimpiangere. Classico bianco anche per l’anticonformista Kate, arricchito e impreziosito da strass e swarovski sui toni dell’oro nella parte inferiore. Capelli sciolti e mossi, molto naturali, e velo discreto e non eccessivo trattenuto da due roselline color panna. Splendida scelta anche sul fronte della lunghezza dell’abito: strascico appena accennato e ben visibili le scarpe ai suoi piedi durante le camminate.

A proposito di scarpe: sembrerebbe ormai assodato che indossasse Manolo Blahnik, anche se Elle UK affermava fino a un paio di giorni fa che fossero di Christian Louboutin, addirittura modificate nella suola: blue anziché rossa come di consueto.

Lo scollo del vestito è bordato da un lavoro in tulle che va a formare una V sul senso, creando movimento e rendendo la parte superiore dell’abito diversa dal solito. Linea molto semplice, essenziale e lavorata in seta e tulle, leggermente a sirena, ma nell’insieme scivolata e morbida sul corpo perfetto dell’esile modella. 

Lo sposo, in light blue, si è affidato a Yves Saint Laurent. Insieme erano perfetti, non tanto perché bellissimi e glamour, quanto per il fatto che si sono mostrati sempre sorridenti, addirittura divertiti e visibilmente complici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>