Modalizer alla versione romana della Vogue Fashion’s Night Out

di Monica De Chirico Commenta

Iniziamo la settimana con il racconto della prima edizione nella capitale della Vogue Fashion’s Night Out cui Modalizer ha partecipato sbirciando nelle vie di una Roma danzante, colorata, fashion, vip e anche “bevereccia”. Via Frattina, Via Condotti, Via del Babuino, Via Sicilia, Piazza San Lorenzo in Lucina, sono solo alcune delle vie, che in questa occasione si sono trasformate in luoghi dove vivere la moda, divertirsi, ammirare le vetrine a tema, ascoltare musica e brindare.

La sottoscritta ha approfittato di questa occasione per girare tra le vie di Roma apprezzandone il suo lato glamour. Come primo esperimento è da considerare piuttosto positivo, nonostante i soliti problemi di circolazione e di organizzazione che non sono nuovi nella capitale.

Armata di iPhone per scattare qualche foto che troverete nella Gallery, ho iniziato il mio percorso da Via Sicilia al Gaetano Costa Restaurant dove si svolgeva un concerto di musica Jazz ed era possibile ammirare non solo bellissimi abiti da sera di Umberto della Scala, ma anche il connubio tra moda e cucina espresso dall’abito peperoncino realizzato dagli allievi dell‘Accademia di Costume e di Moda di Roma. Il tempo è poco e così ho rinunciato all’invito dello chef Gaetano a gustare uno dei suoi piatti ricercati, e ho proseguito verso via Veneto per poi arrivare a Via Sistina da Gattinoni dove la giovane attrice Ketty Di Porto recitava nel ruolo di una contemporanea Eva per Gattinoni.“Nuda”, in vetrina, tra i frutti del peccato, attirava non pochi passanti.

Dopo aver ammirato Piazza di Spagna dall’alto, colorata e già abbastanza piena alle 21, mi sono diretta in Via Condotti per guardare le vetrine delle grandi firme. Eleganti, semplici e delicate, ricordo della moda dell’antica Roma, le modelle davanti ad Omega, che presentava la sua nuova collezione Ladymatic. Piccoli concerti in diverse boutique, da ricordare quello da Gap: un’esclusiva live performance del cantante californiano Aloe Blacc. Interessanti i modelli di Francesca Liberatore nella boutique di Stuart Weitzman. Da List ho approfittato per comprarmi un simpatico cappellino arancione come quello che vedete nelle foto.

Swarovski era invece presa d’assalto per la presenza di Luca Argentero che firmava autografi, mentre sceglieva una bella collana per sua moglie. La serata si è conclusa in via del Babuino, impercorribile per i tanti appuntamenti come ad esempio all’ HOTEL DE RUSSIE, dove purtroppo non sono riuscita ad entrare, che ospitava nella sua Piazzetta con affaccio sullo splendido giardino, l’installazione di un ‘Atelier Night Out’ dello stilista Antonio Grimaldi. L’intento era di creare la magia e l’atmosfera di un atelier all’aperto con sarte, modelliste, disegnatori e ricamatrici al lavoro in camice bianco. Modelle vestite con le creazioni di Antonio Grimaldi accoglievano all’entrata del giardino i tantissimi visitatori.

Una serata piena di energie positive e divertente, sicuramente da ripetere!

Photos e Fonte: Monica De Chirico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>