Silvian Heach sceglie il modello androgino Andrej Pejic per adv a/i 2013

di Sandra Rondini Commenta

In occasione della Milano Fashion Week che si è chiusa con un bilancio più che positivo per la presenza di buyers e addetti stampa, la stilista Silvian Heach ha deciso di lanciare la sua campagna stampa a/i 2013. Non solo l’ha fatto sotto i riflettori della stampa internazionale, in città per assistere alle sfilate, ma ha voluto stupire tutti scegliendo un testimonial d’eccezione: il modello bosniaco-croato Andrej Pejic.


Segni particolari: androgino. Con un po’ di trucco può passare benissimo per una bella donna bionda dalle forme un po’ piatte e senza make up, invece, è uno dei più richiesti top model del mondo per questa sua ambiguità di fondo che lo rende così speciale e assolutamente unico. Andrej Pejic è stato scelto dall’azienda italiana per vestire panni femminili nell’adv della collezione autunno/inverno 2012-2013. La campagna, realizzata completamente in un elegante bianco e nero, è opera del fotografo Giampaolo Sgura che ha scelto come location una Milano misteriosa e un po’ noir, ma sempre molto affascinante.

Andrej Pejic si è detto entusiasta di essere stato scelto come protagonista della campagna, anche perché non è la prima volta che veste abiti femminili. Nel mondo della moda è ben nota la sua capacità di sfilare con successo sia in sfilate maschili che femminili, tanto che a Parigi nel gennaio 2011 per Jean-Paul Gaultier ha sfilato sia per gli uomini che  per le donne. Nel settembre 2011 è arrivato diciottesimo nella classifica dei 50 migliori modelli maschili stilata da models.com e si è classificato 98º nelle lista della rivista “FHM” delle 100 donne più sexy del mondo 2011, un premio che scatenò moltissime polemiche.

Silvian Heach l’ha scelto perché ha un’identità affascinante e grintosa, proprio come l’ideale di donna che la griffe cerca di ricreare nelle sue collezioni moda, sempre molto glam e raffinata. Una donna indipendente, ambiziosa, brillante, seducente e anche fragile allo stesso tempo, perché l’animo femminile racchiude emozioni differenti e contrastanti, proprio come Andrej Pejic.

Rispondi