Kate Middleton rilancia la moda del collant effetto nudo

di Lorena Scopelliti Commenta

kate middleton moda collant effetto nudo

Aspettiamo con trepidazione il momento in cui le abbronzatissime sorelle Middleton smetteranno di fare tendenza e di suscitare notizia, qualunque cosa indossino e ovunque vadano. Il look  di Kate è quello tipico della signorina per bene dell’alta società, ma cresciuta nella middle class dell’ultima ora: ad essere sinceri a tratti diventa noioso e prevedibile.

A pensarci bene: ha forse lanciato un trend o, piuttosto, ha semplicemente (per esigenze di copione) riportato alla ribalta vecchi stili e maniere? Cappellini, motivi a quadretti e a pois, gonne a palloncino e longuette, pull a rombi, skirt in lana e, tanto per finire in bellezza, il collant effetto nudo: tutto già visto e rivisto, ma nell’epoca del “vedo tutto e non ho bisogno di immaginare nulla” è quasi naturale che tanta sobrietà si stia imponendo come novità fashion.

Con somma gioia delle freddolose, che durante l’inverno da anni rinunciano alla gonna per non sembrare demodé, ma anche delle stoiche coraggiose che in febbraio vestono minigonne con le gambe nude soffrendo in silenzio, Kate ha ridato lustro e dignità al collant 20 denari, da almeno un decennio tanto vituperato e spesso definito triste, sciatto e destinato unicamente alle nonne e alle anziane signore.

La Principessa di Cambridge (che Vanity Fair ha inserito tra le donne meglio vestite del pianeta) e la sorella Pippa arrivano a portarli anche in piena estate, il che pare quantomeno poco glamour, oltre che decisamente soffocante.

Siamo certe che Samantha Jones di Sex and The City ne sarebbe quantomeno inorridita, ma per moltissime lo sdoganamento del classico collant effetto nudo è accolto con grande favore: di certo minimizza le imperfezioni e gambe non proprio perfette, riuscendo otticamente a camuffare forme un po’ troppo tornite, qualche capillare fragile che fa odiosamente capolino e la pelle a buccia d’arancia. Anche i piedi tirano un sospiro di sollievo, se inguainati da un velo di nylon o seta che li protegge dal gelo e dalle asperità delle calzature.

 

Rispondi