Lady Gaga adora la grande moda italiana di Mila Schon, Versace e Armani

di Redazione Commenta

Lady Gaga adora il Made in Italy e, dopo aver rinnovato le collaborazioni sia con Giorgio Armani che con la maison Versace, già autori in passato di tanti suoi sfolgoranti look per i suoi mega tour, adesso sta lanciando in tutto il mondo Mila Schon come brand alternativo e assolutamente cool.

Dopo aver indossato sul set del video di “Applause”, la sua nuova hit tratta dal nuovo album “Artpop” in uscita a giorni, uno splendido body nero con maniche ampie a campana, in questi giorni è stata paparazzata per strada con un look da vera Catwoman metropolitana grazie a una favolosa jumpsuit nera interamente realizzata in pelle. Tutto firmato Mila Schon. Un brand che in questi ultimi anni, grazie a interessanti collaborazioni con giovani designer pieni di talento, sta vivendo una seconda giovinezza e adesso, grazie a Lady Gaga e al suo potere mediatico da indiscussa fashion icon, è adorato da fashioniste e appassionate di moda avantgarde perchè in grado di proporre davvero qualcosa di nuovo nel panorama del fashion system.

Oltre a Mila Schon, come dimostrato da “ V Magazine“, in edicola questo mese con 4 cover a scelta di Lady Gaga, la super star ha rinnovato la sua collaborazione con altri due grandi nomi del made in Italy come Giorgio Armani e l’amica di sempre, Donatella Versace. “V Magazine” per la sua special edition di settembre ha ideato ben 4 copertine diverse per permettere ai tantissimi fan e ammiratori della pop star di origine italiana di scegliere quella che più amano.

Oltre alle cover con abito in rete bianca di Balenciaga e quella con mini spencer di paillettes fucsia della maison Yves Saint Laurent, grande successo hanno avuto le copertine con splendida giacca rosa iridescente firmata da Giorgio Armani e con abito trasparente dai dettagli gold e maxi spalline di Atelier Versace.

Photo Credit | Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>