Milano Fashion Week: le più belle sfilate della quarta giornata

di Redazione Commenta

Quarta giornata di sfilate per la Milano Fashion Week che si avvia lentamente verso la sua conclusione, prima di passare il testimone a Parigi che inizierà a sfilare il prossimo 25 settembre.


Nel nostro report di oggi cominciamo con Fendi che esplora geometrie inusitate e colori metal cangianti per gonne, capispalla e minidress dall’allure ethno-chic, quasi tribale. Una collezione primavera/estate 2013 in cui non mancano look boho-chic come lunghi maglioni in stoffa techno da sovrapporre ad eleganti camicie bianche e tanti giubbottini, dal taglio rigoroso e sartoriale, in molte nuance e materiali diversi, come la pelle, da indossare su gonne e shorts a vita alta. Deliziosi gli abitini in pelle e i lunghi chemisier color cipria e giallo limone, mentre la sera è un’esplosione di swarovski, scintillante e luminosa.

Geometrie e glamour anche da Aquilano Rimondi che si rifanno del passo falso della collezione di Fay, smaccatamente retrò, e creano abiti scultura di rara bellezza, pieni di colori fluo e metallici, intarsi di stoffa e giochi di volume davvero favolosi, mentre la maison Emilio Pucci punta sul look total white, una delle tendenze forti di queste sfilate milanesi e lo fa con completi e minidress di rara eleganza. Non manca, tuttavia, un accenno di colore, soprattutto il cobalto e per la sera tantissimo nero, con giochi di trasparenza e décor dall’allure orientale.

Glamour, colore e allegria da due griffe in particolare: Ermanno Scervino e Frankie Morello che portano in passerella una donna piena di joie de vivre, che adora i colori e rifugge sia dal total white che dal total black. Scervino utilizza i tessuti più preziosi per delineare silhouette sofisticate e femminili, con abiti pieni di delicati dettagli, mentre Frankie Morello, che ripropone un beachwear castigato con costumi da bagno interi e per nulla scollati, adora giocare con blouson di cotone techno con colli in pizzo e mini shorts in fantasia tropicale, in puro stile color blocking.

Dal rigore di Jil Sander con abiti color prugna, bluette spento e nero, ma anche, come da tendenza, total white, con tagli sartoriali ed egg shape, si passa all’etno-chic di Antonio Marras che riesce a combinare con grazia tessuti dalle stampe e consistenze diverse con un risultato visivo decisamente d’impatto. I suoi minidress, i mini giubbotti lunghi fino al seno con maniche affusolate e i completi con pieni di luce e ricami fanno di questa collezione un piccolo gioiello.

Photo Credit | Vogue

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>