Mostra del Cinema di Venezia, Madonna sceglie YSL e Vionnet

di Redazione Commenta

Madonna è sempre Madonna. La più grande pop star di tutti i tempi, nonché performer e precorritrice di look e tendenze che hanno segnato non solo la storia della musica, ma soprattutto quella del costume, era attesissima alla 68° Mostra del Cinema di Venezia, anzi era sicuramente la diva più attesa in assoluto. Perché quando arriva Madonna non si sa mai cosa può succedere e con quale stravagante look deciderà di colpire l’attenzione dei media, tutti lì schierati in fervida attesa.

Dopo la parentesi del matrimonio british con il regista Guy Ritchie in cui si era un pò ‘imborghesita’, vivendo nel centro di Londra e vestendo come una ricca lady inglese di campagna (mancava solo si desse alla caccia alla volpe…), Madonna è tornata in America e si vede.

Alla Mostra del Cinema di Venezia era in veste di regista con la sua ultima fatica cinematografica, “W.E.” ispirata all’appassionante storia d’amore che legò l’ereditiera americana divorziata Wallis Simpson e l’aspirante erede al trono di Inghilterra, Edoardo, che, pur di sposarla, nel 1936 abdicò in favore della nipote Elisabetta, la famosa Regina Elisabetta che da allora siede sul trono, con buona pace del figlio maggiore, il Principe Carlo.

Il film ha diviso pubblico e critica, così come anche i due look scelti, uno per il photocall mattutino durante la proiezione riservata alla stampa e l’altro per il red carpet serale per la premiére del film. La mattina Madonna ha scelto un castigato tubino nero di YSL con dettagli bianchi sulle braccia e sul collo stile mini mantellina da ‘ suora’, con tanto di crocefisso tempestato di diamanti. Ai piedi delle pump nere modello “mary jane”. Un look che ha lasciato molto perplessi purché da una fashionista come lei ci si aspetta sempre quel dettaglio in più da ricordare per dire “io c’ero”. Invece no.

In veste autoriale, alla sua seconda prova da regista dopo “Filth and wisdom”, non si capisce perché Madonna, che notoriamente ha sempre tenuto molto al suo aspetto fisico, abbia indossato un abito che impietosamente mostrava la sua vera età (53 anni), grazie alle braccia ben in evidenza, oltre alle mani, due parti su cui la chirurgia estetica può fare poco e nulla.

Stessa scelta anche per la sera in cui si è presentata sul red carpet avvolta in un lungo abito grigio firmato Vionnet, una maison recentemente riportata ai fasti di un tempo grazie al fiuto imprenditoriale di Matteo Marzotto e che la pop star dichiara letteralmente di adorare.

La fondatrice Madeleine Vionnet era negli anni Venti la più grande rivale di Coco Chanel: maestra per eccellenza del taglio sbieco e  autentico genio della moda. Uno stile, che tanto piaceva anche a Wallis Simpson, al quale Madonna ha reso omaggio con un abito con strascico decorato da tante romantiche farfalle rosse.

Il tocco pop l’ha dato un paio di occhiali dalla montatura rosso fuoco che poi la star si è tolta, per la gioia dei fotografi e dei flash impazziti. Due look completamente diversi tra di loro. Uno serio e rigoroso, l’altro vivace, ma non abbastanza. Madonna poteva sicuramente scegliere qualcosa di più spettacolare per il red carpet di Venezia, ma tant’è, il suo motto è sempre stato “bene o male, purchè se ne parli”, quindi eccoci qui…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>