New York Fashion Week: le più belle sfilate della terza giornata

di Sandra Rondini Commenta

Terza giornata di sfilate al Lincoln Center per la Mercedes Benz Fashion Week di New York. Finalmente in passerella una delle stiliste più attese in assoluto, la diva Victoria Beckham che ha un po’ deluso le aspettative con una collezione fin troppo easy e senza particolari picchi creativi se non negli accessori.


La stilista britannica, ormai di casa a New York che l’ha consacrata fashion designer al punto d’aver vinto l’anno scorso un “British Fashion Award” ha presentato una collezione dai molteplici volumi, con jumpsuit, gonne sari e minigonne total black o arancione pop, il colore più usato da Victoria Beckham in questa collezione primavera/estate 2013, insieme a qualche tocco di rosa. Le camicie, tutte bianche e dal taglio sartoriale, hanno piacevoli intarsi artigianali e gli abiti per la sera giocano con effetti see through di grande seduzione.

Eppure gli occhi sono tutti per gli accessori, come le scarpe dall’allure androgino, le pochette in pelle sia minimal chic che maxi nelle dimensioni e i sandali stringati dal design avantgarde, persino a forma di gambali. Il tutto frutto di una collaborazione con Manolo Blanhik. E si vede. Senza questi accessori la collezione non sarebbe affatto memorabile, a differenza delle precedenti presentate a New York da Victoria Beckham. Che si sia fatta distrarre dalle Olimpiadi di Londra e dal ritorno in scena delle Spice Girls? Chissà…

Di certo è troppo easy e banale e non ha nulla di particolare che colpisce l’attenzione, tranne forse il colore arancione pop, davvero funny e audace, usato per minidress, piccoli dettagli e gonne cortissime sopra il ginocchio. Altra stilista in passerella Monique Lhuillier, famosa più per le sue collezioni da sposa che per il pret à portér. E si capisce il motivo. Individuata una stampa la declina in decine di modelli, dall’abito da cocktail al long dress, dalle giacche ai boleri. Una scelta un po’ noiosa e ripetitiva a cui cerca di porre rimedio qualche look ben riuscito come quello in pelle, sia color purple che blu lucente, e i lunghi abiti da sera fascianti proposti in diverse nuance.

Lo stilista americano di origini cinesi, Derek Lam, gioca con contrasti di colori, fantasie anni Settanta e soprattutto tanta pelle con cui propone inediti little black dress e deliziose gonne longuette in colori accesi e assolutamente estivi. Oltre a deliziosi abiti multicolor, è proprio la longuette, grande trend di stagione a rendere fresca e interessante la collezione del designer che addirittura la propone rielaborata con tantissimi piccoli origami in plastica multicolor accostati gli uni agli altri per una creazione di grande impatto visivo.

Photo Credit | Vogue

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>