Royal Baby è maschio: Kate Middleton è diventata mamma

di Redazione 1

Il trono di Inghilterra ha un nuovo erede. Il “Royal Baby” è nato oggi al St Mary’s Hospital, alle 16.24 ora di Londra, le 17.24 in Italia. Il bambino sta bene e pesa 3 chili e 800 grammi. A dare l’annuncio sono stati la regina Elisabetta e il marito, il duca di Edimburgo, Filippo, da Buckingham Palace. Il piccolo è del segno del Cancro.

Il nome non è stato ancora rivelato e non si sa nemmeno a chi assomiglia, ma c’è chi scommette che, essendo maschio assomiglierà, come molti primogeniti di sesso maschile, proprio alla madre, la bella Kate Middleton. Il travaglio, avvenuto con circa una settimana di ritardo sulla data prevista, è iniziato nella prima mattina di oggi quando William e Kate hanno lasciato la residenza di Kensington Palace per recarsi al St Mary’s Hospital dove Kate Middleton è stata immediatamente ricoverata intorno alle 6:30 (le 7:30 circa in Italia). Dopo un’attesa di ore in cui nulla è trapelato dall’interno dell’ospedale, finalmente è stato dato l’annuncio ufficiale: il piccolo è venuto al mondo oggi in una torrida serata estiva e dopo una gravidanza paparazzatissima dai media, incantati dallo stile impeccabile della madre, Kate Middleton, che per tutti i 9 mesi non si è sottratta all’abbraccio della folla, sfoggiando in pubblico sempre look eleganti e low cost, per rispetto del suo popolo che sta vivendo momenti difficili per la congiuntura economica. Tutti adesso si chiedono che madre sarà Kate Middleton. Se come Lady Diana si ribellerà alla rigida etichetta di corte che impone un’educazione rigida per l’erede al trono o, come ha fatto finora, metterà a disposizione tutta se stessa per il bene della monarchia inglese. Di certo oggi Kate Middleton è la mamma dell’anno e non solo per gli inglesi. La nascita del “Royal Baby” era molto attesa in tutto il mondo perchè la bella Duchessa di Cambridge è riuscita a conquistare il cuore non solo dei suoi sudditi britannici, ma anche di fashionisti e ammiratori di tutto il mondo. Chissà quale sarà la prima tutina indossata dal neonato, se bianca o azzurra, di certo molto preziosa essendo il bambino il prossimo erede al trono d’Inghilterra, e, precisamente il terzo in linea di successione, dopo il nonno Carlo e il padre, il principe William.

Sono molte le scommesse anche sulla vestaglia che Kate Middleton sta indossando in queste ore per riposarsi dopo aver dato la luce il piccolo, nato alla Lindo Wing, l’ala privata del St. Mary’s Hospital, lo stesso reparto dove vide la luce William, il figlio primogenito del Principe Carlo e di Lady Diana. E altrettante scommesse sono state fatte anche sull’abito che Kate indosserà al momento di lasciare il St Mary’s Hospital con in braccio suo figlio. Chissà se sceglierà qualcosa di azzurro per rendere omaggio alla suocera mai conosciuta, l’indimenticabile Lady Diana che, una mattina di 31 anni fa, uscì raggiante dal St Mary’s Hospital con in braccio il piccolo William, il suo primogenito. Era il 22 giugno del 1982 e colei che passerà alla storia come “la principessa triste” indossò per l’occasione un abito blu a pois con un grande colletto bianco e ampie maniche a sbuffo. Le scommesse sono aperte e ce ne sono sempre di nuove per un popolo che ama scommettere su tutto, come gli inglesi. I bookmaker del Regno Unito hanno già raccolto più di un milione di sterline per le scommesse su sesso, nome, data del parto e altri dettagli. Così, dopo quelle sul nome che, come registrato dal “Sun” doveva essere Alexandra se femmina e James se maschio, è adesso tempo di dedicarsi a quelle fashion per scoprire il look da neo mamma di Kate Middleton e quella da tenera zia di Pippa Middleton, le più attese in assoluto dai blogger e dai media.

Per ore sin dalle prime luci di questa mattina una folla di giornalisti provenienti da tutto il mondo, insieme a centinaia di persone accorse per sostenere la loro futura Regina, si sono accalcate nel piazzale antistante le mura dell’ospedale di Paddington, ma fino a parto avvenuto nessuno è riuscito a scoprire nulla sul “Royal Baby su cui il sistema di sicurezza delle guardie reali inglesi ha vigilato inflessibile per assicurare la massima privacy possibile a un evento che è anche politico perchè è decisivo per le sorti della monarchia britannica. Dopo lo splendido matrimonio del 29 aprile del 2011 nell’abbazia di Westminster, oggi è il giorno più felice per William e Kate che hanno coronato il loro sogno d’amore con la nascita del loro primo figlio. Il principe William, che era resente al parto, sempre accanto alla sua amata Kate, prenderà per due settimane il congedo parentale, solitamente accordato ai dipendenti della Royal Air Force (Raf) per godersi con la moglie l’arrivo del suo amatissimo bambino.

Intanto, è festa in tutta la Gran Bretagna dove la nascita del “Royal Baby“, oltre a rallegrare la famiglia reale e i sudditi, sta giovando anche all’economia britannica con importante ricadute sulle finanze della nazione. Il “Centre for Retail Research” britannico stima che l’erede abbia già generato guadagni per ben 280 milioni di euro. Sugli scaffali dei negozi inglesi non manca niente: tutine, bavaglini, tazze, sonaglietti ed ogni altro accessorio per neonati, rigorosamente con corona, vanno a ruba. E anche all’estero, i souvenir legati alla nascita valgono altri 42 milioni di euro. Un business destinato ora ad aumentare perchè nei prossimi mesi chi diventerà genitore spenderà di più in passeggini e accessori neonatali, proprio seguendo l’esempio dei reali inglesi. Gli esperti di style e i trend setter, che conoscono bene l’ “effetto Kate“, ossia il fatto che qualsiasi cosa Kate Middleton indossa va a ruba nei negozi, scommettono, infatti, che presto questo fenomeno raddoppierà proprio grazie al piccolo appena nato perchè le sue tutine, abiti e accessori saranno imitatissimi da tutti i neogenitori.

Photo Credit | Getty Images

Commenti (1)

  1. Per far fare a Kate e suo figlio una vita da principessa e principe, quanti bambini devono morire nelle miniere di estrazione di oro e diamanti?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>