Grammy Awards 2013: tutti i look delle star

di Redazione Commenta

Si è tenuto allo Staples Center di Los Angeles la cerimonia di premiazione dei Grammy Awards 2013, gli Oscar della musica che da sempre incoronano le grandi star di questo settore dello spettacolo. Moltissime le celebrities presenti in sala ad applaudire amici e colleghi, se non mogli e mariti come nel caso di Beyoncè e Jay Z e Justin Timberlake e Jessica Biel, freschi sposi da pochi mesi.

La prima, diventata, tra l’altro, anche la nuova testimonial di H&M, indossava un completo black & white di Osman con blusa e pantaloni e ha vinto con “Love on top” il Grammy come Best traditional R&B performance. Justin Timberlake, che, durante la serata, prima ha duettato live con il famoso marito di BeyoncèJay-Z, in “Suit” e, poi, si è esibito con “Pusher Love Girl”, era accompagnato dalla splendida meglie, l’attrice Jessica Biel, con tanto di frangetta e abito nero da grand soiré di Oscar de la Renta con corpetto monospalla. In nero anche Kelly Rowland che, però, indossava un abito decisamente più sexy, pieno di effetti vedo non vedo, firmato da George Chakra, stilista libanese sempre più quotato sui red carpet più prestigiosi al mondo.

Davvero too much, se non inutilmente volgare, Jennifer Lopez in abito Anthony Vaccarello, morigerato sopra e assolutamente en plein air sul fondo, con spacco laterale battibile solo da quello strafamoso di Belen in Fausto Puglisi. In posa stile Angelina Jolie agli Oscar dell’anno scorso, con tanto di gamba esibita come se si trattasse di una balera e non dello Staples Center di Los Angeles, Jennifer Lopez per noi era in assoluto la star peggio vestita di questa edizione dei Grammy. Anche Carrie Underwood ha optato per il nero, ma senza esagerare, scegliendo un prezioso abito lungo di pizzo con silhouette a sirena e corpetto con scollo a cuore di Roberto Cavalli.

Poche le griffe italiane che hanno vestito le grandi star dei Grammy se si esclude Valentino che ha vestito di fiori una sontuosa e matronale Adele, con un abito dall’elegante fantasia floreale e Gucci, scelto da una radiosa Katy Perry che indossava un long dress della masion fiorentina, con scollatura sul seno decisamente vertiginosa ed esaltata  da una cascata di swarovski e ricami multicolor. L’abito era color verde acqua, una nuance per nulla convincente, nonostante i media insistano che il 2013 sia l’anno del verde. Ma, d’altronde, ogni abito, non appena è indossato dalla frizzante cantante americana, assume una carica in più perché è Katy Perry a indossare l’abito e non viceversa.

In verde, ma decisamente più strong, anche Florence Welch in Givenchy Couture, con ampio spacco laterale e corpetto ricoperto di spuntoni e maxi borchie, stile fashion virago. Total white, invece, per Taylor Swift, in long dress drappeggiato stile dea greca di J Mendel, con scollo alla Marilyn Monroe, ma senza le forme di Marilyn Monroe… Anche Taylor Swift, come già Jessica Biel, ha esibito una bella frangetta, confermando il trend di questa scelta di hair styling tra le star. Ha preferito un raccolto elegante, invece, Alexa Chung che, però, ha esibito un outfit senza pretese, adatto più per una scampagnata che per una cerimonia così importante. Era di RED Valentino il modesto abito bianco, con fiorellini giallii e dall’allure retrò. A differenza di Katy Perry, è l’abito a vestire la famosa fashion icon, rendendola del tutto anonima, nonostante la sua riconosciuta verve. Hanno scelto l’oro e il rosso due star che non volevano passare assolutamente inosservate: una è Nicole Kidman in abito di Vera Wang in pizzo dorato, l’altra è Rihanna, la più diva di tutte durante la serata dei Grammy Awards 2013. la splendida cantante originaria delle Barbados, ha incantato tutti sul red carpet grazie al suo outfit rosso fuoco di Azzedine Alaia, con giochi di trasparenze e importante strascico.

Photo Credit | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>